Sede


SEDE CONGRESSUALE

OASI DI KUFRA
Hotel & Residence

Lungomare di Sabaudia 8852
04016 Sabaudia (LT)
Tel +39 0773 5191
https://oasidikufra.it

 

 

SABAUDIA

Sabaudia, situata a pochi chilometri da Latina e a poco più di un'ora da Roma nel cuore dell'Agro Pontino,
è una delle più giovani città d'Italia. La posa della prima pietra risale infatti al 5 agosto 1933, durante la vasta
operazione di bonifica integrale della Palude Pontina effettuata dal
regime fascista con l’obiettivo di fornire
comunità abitative alla popolazione in crescita.

Per assegnare il progetto della città, fu bandito un concorso per il piano urbanistico dall’Opera nazionale combattenti,
il vincitore fu un gruppo di architetti formato da: Gino Cancellotti, Eugenio Montuori, Luigi Piccinato e Alfredo Scalpelli.
I primi abitanti della città furono coloni di origine veneta e friulana inviati dal Commissariato per le migrazioni e la
colonizzazione interna con l’obiettivo di sviluppare agricoltura.

La città deve il suo nome alla famiglia reale dei Savoia, e non a caso il suo santo patrono è la santissima Annunziata,
già santa protettrice della Casa Savoia, che si festeggia ogni anno il 25 marzo.

 

Sabaudia è una città abbastanza particolare se paragonata alle altre strutture urbane sorte durante il regime, essendo
caratterizzata da una corrente architettonica nota come Razionalismo italiano, un movimento sviluppatosi proprio tra
gli anni '20 e '30 del Novecento, che si poneva l'obiettivo di reinterpretare la tradizione sotto aspetti nuovi e che avrebbe
donato al nostro paese diversi edifici rappresentativi quali l'Istituto di Fisica dell'Università la Sapienza ed il Palazzo delle
Poste di Piazza Bologna a Roma o la stazione Santa Maria Novella di Firenze.

Presenta grandi architetture, equilibrate e progettate intorno a piazze porticate in stile post-moderno, è stata definita
la Città del Razionalismo, paragonata a un quadro di De Chirico.


Il territorio comunale è principalmente pianeggiante ed è reso unico dalla compresenza di un litorale sabbioso che
si affaccia sul Mar Tirreno, l’area di Torre Paola, una delle più battute a livello turistico, una serie di zone umide che si
distribuiscono nei dintorni dei tre laghi locali, lago di Sabaudialago dei Monacilago di Caprolace, e una grande area
forestale che costituisce parte del 
Parco Nazionale del Circeo, una delle più antiche aree naturali protette del nostro
paese, istituita nel 1934.

Una città, Sabaudia, che, nonostante una vita piuttosto breve, è presto diventata una meta di soggiorno per diversi
artisti, intellettuali e giornalisti stanziati a Roma, vista la sua posizione strategica sul mare e a pochi chilometri dalla capitale.

Dal punto di vista climatico Sabaudia è caratterizzata da temperature tendenzialmente miti, con inverni percepiti come freddi
soprattutto a causa dell'elevato tasso di umidità: la media nel mese di gennaio è infatti di 9°C, mentre quella di agosto, il mese
più caldo, è di 23°C.

 

Tra gli edifici da non perdere sono il Palazzo Comunale e la Torre Civica, il centro nevralgico da cui si dipartono strade, piazze e slarghi, e che con i suoi 46 metri domina tutta la città.  All'interno del palazzo comunale, al piano terra, troviamo poi il museo Emilio Greco istituito nel 1985 dopo la donazione del Maestro e ristrutturato su progetto del professor Giulio Savio nel 2001. Sono esposti ottanta opere: disegni, acqueforti, litografie, bronzi, gessi, medaglie monete ed una serie di francobolli celebrativi di importanti eventi internazionali.


Sulle sponde del lago di Paola troviamo il Santuario di Santa Maria della Sorresca, risalente al XII secolo anche se originariamente fondata dai benedettini nel VI secolo. Nel Santuario viene conservata l'antica statua lignea della Sorresca, festeggiata il lunedì dopo la Pentecoste con una processione che da San Felice Circeo giunge fino alla piccola chiesa.

 

Parco Nazionale del Circeo

Altra cosa da vedere a Sabaudia è il Parco Nazionale del Circeo che si estende per circa 8500 ettari nei territori comunali di Latina, Sabaudia, San Felice Circeo e l’isola di Zannone. Istituito nel 1934, il Parco del Circeo nasce per tutelare una serie di ambienti caratteristici e la biodiversità. La sua creazione evitò il totale disboscamento dell’antica ed intricata “Selva di Terracina”, durante gli interventi di prosciugamento ed appoderamento della bonifica integrale. I laghi più a nord (Caprolace, Monaci e Fogliano) e l’isola di Zannone fanno parte del territorio tutelato. Nel Parco sono stati effettuati importanti

 

ritrovamenti di reperti preistorici ed archeologiciche testimoniano la presenza dell’uomo al Circeo sin da epoche remote
(ritrovamento di un cranio dell’uomo di Neanderthal nella Grotta Guattari, 1939 e numerosissimi reperti, resti fossili, utensili
in pietra, ecc.).

 

 

Una delle attrazioni più apprezzate è poi Torre Paola, una delle sei torri che difendevano il promontorio del Circeo. Ad oggi è l'unica a conservare ancora la struttura originaria. Sicuramente si tratta di uno dei monumenti più visitati per chi si trova a Sabaudia. Fu costruita nel 1563 per volere di Papa Pio IV ad opera dei signori di Sermoneta e San Felice per proteggersi dalle continue incursioni dei pirati saraceni, e faceva parte del sistema difensivo che comprendeva, verso Roma, Torre Astura, Tor Caldara, Tor San Lorenzo.

Negli anni subì diversi attacchi e approdarono nella spiaggia sottostante moltissimi eserciti, tra cui turchi, francesi e inglesi. Fortunatamente è sopravvissuta fino ai giorni nostri, al contrario di tre torri del promontorio che furono danneggiate o distrutte.

Villa di Domiziano

Lungo le sponde del Lago di Paola a Sabaudia troviamo la Villa di Domiziano , che si estende su 46 ettari e della quale sono ancora poche le parti riportate alla luce. Si tratta della seconda villa imperiale per grandezza nel Lazio, dopo Villa Adriana a Tivoli, è fu costruita per l’Imperatore Tito Flavio Domiziano. Era costituita da un porto privato, un sistema idrico molto complesso, terme e piscine.

La Villa di Domiziano è chiusa al pubblico e può essere visitata solo con una visitata guidata e prenotando con anticipo. Si possono visitare i resti della Villa di Domiziano in battello oppure in canoa.

 

 

 

Laghi costieri

A Sabaudia oltre il mare, ci sono i laghi costieri. Nello specifico sono quattro i laghi Pontini: il Lago dei Monaci, il lago di Caprolace, il Lago di Paola e il lago di Fogliano.

Questi laghi uniti alle Zone Umide, formano “la Zona Umida di Interesse Internazionale” ai sensi della Convenzione di Ramsar (Iran 1971).